Sottil: “Obbligatorio riscattarsi mentalmente con il Rende, su Sarno e Di Piazza…”

0
140

Mister Andrea Sottil torna in conferenza stampa e parla della partita che il Catania dovrà affrontare domani contro il Rende, dopo la partita cancellata e vinta a tavolino 3-0 col Matera.

Ecco le sue parole:

Avrei preferito che si giocasse sabato perchè è sempre meglio che stare fermi, ma ormai siamo abituati a questi continui cambi di programma, e dobbiamo cercare di migliorare sempre di più riprendendo il filotto positivo che abbiamo lasciato prima della sosta. Vediamo la partita di domani, ci siamo concentrati molto sulla preparazione della gara.

Il Rende non ha solo Awa (dovrebbe essere infortunato,ndr) ma hanno un gioco spregiudicato, uomo contro uomo con grande corsa. Ci siamo preparati su questo e dovremo cercare di fargli male lì dove hanno difficoltà. Le partite si vincono con i contrasti e con la corsa, ingredienti che dobbiamo sempre mettere abbinandoli alla nostra qualità.

Abbiamo degli ottimi dati riguardo la tenuta fisica del nostro gruppo, io insisto molto sull’aspetto mentale, sul lato fisico siamo abbastanza bene a parte Sarno e Marotta.

Alessandro deve stare purtroppo fermo per ora, ma lì davanti posso fare le mie scelte tranquillamente. Dobbiamo vincere le partite, essere determinati nel chiudere le fasi offensive e nell’essere densi, ultimamente ho scelto la coppia formata da Marotta decentrato e Curiale, che è chiaramente diverso che schierare un attaccante e due esterni puri. Non c’è problema di modulo, lo dico da sempre.

Nel reparto mediano siamo a posto così;  Angiulli stesso sta facendo bene. L’operazione Palumbo non è andata in porto ma a noi serve gente motivata. Sarno, Carriero e Di Piazza hanno voluto fortemente il Catania”. 

I nuovi acquisti hanno poca continuità di lavoro con la palla, dobbiamo adeguarci tutti. Di Piazza ha una situazione diversa da Sarno, il primo ha fatto delle partite prima di trasferirsi da noi ed è più avanti in termini di condizione fisica, inoltre ha lavorato per l’intera settimana con il gruppo. Il secondo è un caso diverso. Da un mese e mezzo non si allena. Lo ha fatto individualmente a Padova, adesso deve ritrovare l’intensità con il pallone. E’ assolutamente integro comunque. Sono molto contento del suo acquisto, anche se avrei preferito arrivasse prima per adattarlo anche al nostro modo di lavorare. Sarno ha fatto la rifinitura ma dobbiamo essere bravi a metterlo a posto in fretta. Cercavamo un rifinitore che rompesse gli equilibri nell’uno contro uno, guizzante. La sua mattonella è a destra, gli piace accentrarsi, viaggia tra le linee, non dà punti di riferimento, ha anche capacità realizzative e di assist. Lo abbiamo preso per questo. Siamo di fronte ad un ragazzo morfologicamente piccolo, quindi non ci metterà tanto tempo per entrare in condizione. Con la sua grande professionalità ed esperienza possiamo fare un buon lavoro insieme. 

Problemi con le rimonte? Il famoso aspetto mentale: statisticamente purtroppo su 4 volte in cui siamo andati sotto non siamo riusciti a rimontare, ma contro il Siracusa abbiamo però creato tanto, ma sono sempre aspetti che riguardano la testa.”

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.